Banca dati SIMoITel


Pubblicato il 15 giugno 2018

 


TI informiamo che la banca dati S.I.Mo.I.Tel non è ancora attiva. Pertanto, qualora, a causa di eventuali fatture non pagate, avessi ricevuto da parte di TIM una comunicazione contenente un possibile inserimento del tuo nominativo in tale banca dati, non tenerne conto.

Verifica le tempistiche di attivazione della banca dati e le precise condizioni per l'iscrizione dei nominativi morosi, nelle FAQ di seguito inserite.

 


E’ una banca dati specifica del settore telefonico in cui potranno essere trattati i dati personali dei soli clienti degli Operatori telefonici (aderenti a tale banca dati) che non hanno effettuato dei pagamenti dovuti a tali Operatori.
La costituzione del SIMoITel è stata autorizzata dal Garante privacy con suo Provvedimento del 8 ottobre 2015, che permette il trattamento dei dati dei clienti morosi (degli Operatori telefonici aderenti a tale banca dati) anche senza il loro espresso consenso, purché nel rispetto di determinate condizioni prescritte nel Provvedimento stesso.
Ad oggi (giugno 2018) il SIMoITel NON è operativo, ma sarà attivato nei prossimi mesi. TIM informerà i propri clienti dell'avvenuta attivazione del SIMoITel con tempestiva comunicazione. Dal momento dell'attivazione TIM, nel rispetto delle condizioni/requisiti stabiliti nel Provvedimento del Garante Privacy, potrà contribuire al SIMoITel con i dati dei propri clienti morosi.
Lo scopo per cui è stato creato è contrastare le notevoli perdite economiche che da tempo subiscono gli Operatori telefonici italiani a causa dei mancati e ripetuti pagamenti della propria clientela in particolare, a causa del fenomeno del c.d. «turismo telefonico» (clienti che cambiano Operatore lasciando intenzionalmente pagamenti o bollette insolute di acquisito di prodotti di valore economico significativo o di attivazioni di servizi a pagamento rateizzato).
Un cliente potrà essere inserito nel SIMoITel solo al contemporaneo verificarsi dei seguenti requisiti (indicati dallo stesso Garante Privacy nel suo Provvedimento):
  • recesso dal contratto ad iniziativa di una delle parti (cliente o Operatore telefonico) esercitato da non meno di tre mesi; 
  • importo insoluto per ogni singolo Operatore telefonico di non meno di 150 (centocinquanta) euro; 
  • presenza di fatture non pagate nei primi sei mesi successivi alla stipula del contratto; 
  • assenza di altri rapporti contrattuali post-pagati, attivi e regolari nei pagamenti con lo stesso Operatore telefonico; 
  • assenza di formali   reclami/contestazioni, istanze di conciliazioni o comunque istanze di definizione di controversie dinanzi agli organi competenti inoltrate dal cliente;
  • aver ricevuto il preavviso di imminente iscrizione nel SIMoITel almeno trenta giorni solari prima dell'iscrizione (vedi successiva FAQ "Come verrà informato un cliente dal proprio Operatore telefonico sul trattamento dei dati nel SIMoITel e della sua possibile iscrizione nel SIMoITel"). 
Il SIMoITel sarà gestito da un soggetto terzo (“Gestore”) rispetto agli Operatori telefonici aderenti, che è stato già individuato dagli stessi Operatori di comune accordo: è la società CRIF S.p.A. con sede legale in con sede legale in Bologna, Via Fantin n. 1-3 (contratto sottoscritto tra CRIF e Operatori telefonici aderenti a Giugno 2018).
TIM, Vodafone Italia, Wind Tre, Fastweb, Tiscali Italia e BT Italia.
Solo gli Operatori telefonici aderenti e sottoscrittori del contratto col gestore CRIF potranno utilizzare i dati contenuti nel SIMoITel e comunicarsi a vicenda tali dati, relativi ai clienti morosi «intenzionali» allo scopo di tutelarsi e prevenire situazioni di perdite economiche.
Ai sensi del punto 7 del Provvedimento del Garante, gli Operatori telefonici forniranno a tutti i clienti, al momento della stipula del contratto, un’informativa (con finalita' e modalita' del trattamento, estremi identificativi e caratteristiche del SIMoITel, soggetti partecipanti, tempi di conservazione dei dati, denominazione e sede del gestore del SIMoITel) riguardo al trattamento dei dati personali effettuato in ambito SIMoITel.

Tale informativa sara' anche pubblicata da ciascun Operatore sul proprio sito web. Anche il gestore (CRIF) a sua volta rendera', attraverso il proprio sito web, una sua dettagliata informativa sui medesimi trattamenti in ambito SIMoITel. 

Inoltre, l’Operatore telefonico invierà al proprio cliente (per il quale sussistono i requisiti per l’iscrizione, una comunicazione (raccomandata A/R all’ultimo indirizzo di spedizione fattura comunicato dal cliente) di preavviso della sua imminente iscrizione al SIMoITel, almeno trenta giorni solari antecedenti all'iscrizione stessa (vedi precedente FAQ "Quali sono i requisiti che deve avere un cliente per poter essere iscritto nel SIMoITel").
Il cliente interessato può presentare richiesta (accesso ai dati o contestazione) seguendo le indicazioni che trova sul Sito Web dedicato al SIMoITel (vedi successiva FAQ "Come può un Cliente chiedere informazioni o assistenza sul SIMoITel"). 

Gli Operatori telefonici e CRIF (gestore del SIMoITel), ciascuno per quanto di propria competenza, accoglieranno le richieste avanzate dai clienti interessati. 
Sarà l’Operatore telefonico a rispondere al proprio cliente nel caso gli venga rifiutata una richiesta di rapporto contrattuale (perché presente nel SIMoITel). 
I dati possono essere conservati nel SIMoITel per 36 mesi (dalla data di recesso dal contratto) se i pagamenti del cliente non vengono regolarizzati; successivamente tali dati verranno cancellati automaticamente.

Il nominativo del cliente è cancellato entro 7 giorni lavorativi se egli invia all’Operatore telefonico comunicazione di regolarizzazione del suo debito e fornisce prova dell'avvenuto pagamento.
  • Sito Web di CRIF (gestore del SIMoITel) dedicato ai Consumatori, dove è disponibile un modulo online a compilazione guidata che l’interessato potrà utilizzare per:
    - richiedere l’accesso ai propri dati presenti nel SIMoITel;
    - inviare una richiesta di contestazione relativa ai propri dati presenti nel SIMoITel indicando le ragioni a supporto della sua contestazione;
    Al termine della compilazione si otterrà un modulo .pdf da firmare e inviare a CRIF (tramite upload web, email, fax, posta) insieme a copia dei propri documenti identificativi. 
    Si potrà anche inviare l’istanza tramite modulo online (e si potrà verificarne lo stato di lavorazione direttamente dal sito). 
    Sul sito si può anche prendere visione dell’informativa sul SIMoITel di CRIF (vedi precedente FAQ "Come verrà informato un Cliente dal proprio Operatore telefonico sul trattamento dei dati nel SIMoITel e della sua possibile iscrizione nel SIMoITel") e trovare i recapiti per contattare CRIF (indirizzo email, numero di telefono dedicato e orari di assistenza, numero di fax e sede dello Sportello consumatori con orari di apertura).
  • Numero telefonico di CRIF (gestore del SIMoITel) con risponditore automatico (c.d. IVR) che guida l’interessato ad ascoltare i contenuti informativi relativi al SIMoITel; c’è anche la possibilità di scegliere di parlare con un operatore, che però non potrà dare riscontro alle istanze di accesso ai dati o a contestazioni proprio a tutela dell’interessato stesso (non essendo possibile garantire una corretta identificazione al telefono).
Dal 2016 TIM ha pubblicato l’informativa per la fase di prima applicazione, come richiesto dal Garante nel suo Provvedimento, all’interno del link Privacy del sito istituzionale TIM e ha diffuso tale informativa presso tutti i punti vendita. 
TIM ha sottoscritto nel 2017 l’Accordo con gli altri Operatori telefonici aderenti al SIMoITel e a Giugno 2018 sottoscriverà il contratto con CRIF, gestore del SIMoITel. 
TIM ad oggi è in attesa di aderire al SIMoITel ma informa già i suoi clienti riguardo il funzionamento di tale banca dati, con le indicazioni i presenti in questo sito.
I PARTNERS DI TIM
Cisco Powered UniversalEricsson
HuaweiNokia